Napoli: scoperta raffineria di cocaina in un appartamento
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 547 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

Napoli: scoperta raffineria di cocaina in un appartamento

Italia
Typography

Avevano allestito in un appartamento di San Giuseppe vesuviano una vera e propria raffineria altamente attrezzata per la lavorazione e l’estrazione di notevoli quantitativi di cocaina, destinati ad alimentare il mercato napoletano.

 

E' quanto hanno scoperto i militari del nucleo di polizia tributaria di Napoli che hanno fatto irruzione nell'appartamento cogliendo in flagranza di reato cinque persone che, all'interno del laboratorio, erano 'impegnate' nel processo di lavorazione della droga.

 

Fra queste due esponenti di spicco del clan Gallo/Limelli/Vangone di Torre Annunziata, già da diversi anni leader nell’importazione di ingenti carichi di cocaina provenienti dal sud america e nella relativa gestione dei traffici illeciti nell’hinterland napoletano.

 

Gli altri, tre cittadini colombiani, due uomini e una cittadina spagnola, secondo le prime risultanze investigative avrebbero avuto il compito di far giungere in Italia la materia prima e, nel contempo, istruire i membri dell’organizzazione campana circa il complesso procedimento chimico di estrazione della droga.

 

I cinque sono stati arrestati. La droga sequestrata avrebbe avuto sul mercato un valore di oltre 3 milioni di euro e sarebbe servita per il confezionamento di oltre 100 mila dosi.