Mafia: 14 arresti a Paterno' nel clan Assinnata
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 592 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Mafia: 14 arresti a Paterno' nel clan Assinnata

Italia
Typography

Quattordici persone ritenute appartenenti al clan Assinnata di Paternò , collegato con la 'famiglia' Santapaola, sono state arrestate in esecuzione di un ordine di custodia cautelare emesso dal Gip di Catania, su richiesta della locale Dda della Procura.

 

I reati ipotizzati, a vario titolo, sono associazione mafiosa, estorsione e traffico di droga. Tra i destinatari del provvedimento, eseguito da carabinieri, c'è il padre del ragazzo al quale il 3 dicembre scorso, durante i festeggiamenti di Santa Barbara, Patrona di Paternò, alcuni portatori dei cerei votivi fecero un 'inchino reverenziale' davanti la sua abitazione.

 

Le indagini di militari dell'Arma della compagnia di Paternò hanno permesso di ricostruire le dinamiche criminali che regolavano le condotte del gruppo e le modalità di gestione dei proventi illeciti, definirne la struttura, le posizioni di vertice e i ruoli degli affiliati, nonché di ricostruire il volume degli affari illegali nel settore delle estorsioni.

 

Il doppio 'inchino' avvenne il 2 dicembre del 2015 a Paternò davanti la casa di un noto esponente del clan Assinnata, mentre era detenuto. A 'omaggiare' il boss, che abita vicino al Municipio, sarebbero stati due cerei mentre erano in processione per i festeggiamenti della Patrona Santa Barbara. L'episodio venne registrato, tra le 12.55 e le 13.20, da carabinieri della locale compagnia in servizio. I portatori eseguirono a turno il classico 'dondolamento" simulando un inchino riverenziale davanti al figlio del detenuto, dal quale si congedavano con il rituale bacio finale. I due cerei, il giorno dopo, furono 'fermati' dal Questore di Catania, Marcello Cardona, che, "su segnalazione del comando provinciale dei carabinieri, e su conforme orientamento del prefetto ha disposto il divieto di partecipare allo svolgimento delle manifestazioni religiose dei due comitati organizzativi" per la durata della festa, anche per la cosiddetta 'ottava', del 12 dicembre. (Ansa)