Bologna: corteo si conclude con nuova occupazione
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 481 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

Bologna: corteo si conclude con nuova occupazione

Italia
Typography

Corteo per il diritto alla casa nel pomeriggio a Bologna, concluso con una nuova occupazione abusiva da parte di Social Log, collettivo la cui sede è stata sgomberata durante la settimana.

 

Corteo si conclude con nuova occupazione
Corteo si conclude con nuova occupazione

 

Alla manifestazione hanno preso parte circa 200 persone, partite da piazza dell'Unità. La protesta era proprio contro lo sgombero dello 'sportello' di Social Log in viale Masini e in generale contro gli sfratti. Alla fine è stata 'presa' una palazzina in periferia, all'angolo tra via Corticella e via Crespi, un edificio dismesso e di proprietà di un fondo immobiliare. Presenti al corteo alcuni esponenti della sinistra bolognese come il consigliere comunale Mirco Pieralisi di Sinistra italiana. "E' un incomprensibile braccio di ferro con le istituzioni", si è limitato a dire il procuratore aggiunto di Bologna Valter Giovannini, coordinatore 'ordine pubblico' della Procura, rispondendo all'ANSA che gli aveva chiesto se la nuova occupazione abusiva è una risposta alla Procura.