Cagliari: assalti portavalori, banda resta in cella
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 208 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

Cagliari: assalti portavalori, banda resta in cella

Italia
Typography

La presunta banda specializzata in assalti ai portavalori, responsabile anche del colpo milionario al caveau di Nuoro, resta in carcere.

 

Questa mattina Polizia e Guardia di finanza hanno notificato alle 19 persone fermate lo scorso 21 marzo altrettante ordinanze di custodia cautelare in carcere firmate dal Gip di Cagliari. Tra i destinatari dei provvedimenti il vice sindaco di Villagrande Strisaili (Ogliastra) Giovanni Olianas, considerato la mente del gruppo criminale, i suoi fratelli Gianluigi e Carlo Olianas, Michele Cherchi, Fabrizio Francesco Crisponi, Vittorio Fogu, Pietro Mereu e Salvatore Sanna, tutti reclusi a Bancali (Sassari); Giovanni Salvatore Pirisi, Mario Pirari, Gavino Pira, Pasquale Scanu e Carmelo Soru, detenuti a Badu 'e Carros (Nuoro); Luca e Sergio Arzu, e Angelo Lostia, arrestati a Voghera mentre pianificavano un nuovo colpo nella penisola.