Licata (Agrigento): abusivismo, stop blocchi, ruspe lavorano
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 292 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

Licata (Agrigento): abusivismo, stop blocchi, ruspe lavorano

Italia
Typography

Sono stati rimossi nella notte i blocchi 'umani', compresi numerosi bambini, che fino a ieri sera impedivano la demolizione di una villetta abusiva, di Torre di Gaffe a Licata, da radere al suolo.

 

Decine di persone per bloccare forze dell'ordine e le ruspe si erano anche sdraiate sull'asfalto. All'alba di oggi le strade erano sgombere, e sono stati avviati i lavori di demolizione. Ieri il procuratore di Agrigento, Renato Di Natale, e l'aggiunto Ignazio Fonzo avevano annunciato l'avvio di un'inchiesta e ribadito l'obbligo di abbattimento immediato della struttura abusiva: "la legge va rispettata - hanno detto - le demolizioni vanno eseguite per effetto di sentenze passate in giudicato. Sono 15 gli immobili, realizzati in aree con il vincolo di inedificabilità, passate di proprietà al Comune, da abbattere in questa prima fase. Le demolizioni dovranno farsi in virtù del protocollo di intesa che il sindaco, Angelo Cambiano, ha siglato lo scorso 7 ottobre con la Procura di Agrigento.