Catania: mafia, Dia confisca beni per due milioni
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 127 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Catania: mafia, Dia confisca beni per due milioni

Italia
Typography

La Direzione investigativa antimafia di Catania ha eseguito due decreti di confisca, emessi dal locale Tribunale, nei confronti dei fratelli Franco e Salvatore Marino, imprenditori, su richiesta di altrettante proposte di applicazione delle misure di prevenzione personali e patrimoniali, formulate dal direttore della Dia, Nunzio Antonio Ferla.

 

Nel 2014 i due fratelli erano stati arrestati dalla Dia di Catania nell'ambito dell'operazione 'Prato verde', in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip nei confronti di 28 persone accusate, a vario titolo, di essere tra vertici e fiancheggiatori del clan dei Carateddi, capeggiato dal boss Orazio Privitera, attualmente detenuto in regime di 41 bis. L'inchiesta è stata coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia della Procura di Catania. Il provvedimento di confisca interessa aziende, fabbricati, terreni, automezzi e disponibilità finanziarie, per un valore complessivo di circa 2 milioni di euro.