Duplice omicidio Palermo: fermati i vicini, due coniugi insospettabili
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 349 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

Duplice omicidio Palermo: fermati i vicini, due coniugi insospettabili

Italia
Typography

Svolta nelle indagini sull'uccisione di Vincenzo Bontà, 45 anni, e Giuseppe Vela, di 52, assassinati ieri mattina in via Falsomiele a Palermo.

 

Duplice omicidio Palermo: fermati i vicini, due coniugi insospettabili
Duplice omicidio Palermo: fermati i vicini, due coniugi insospettabili

 

In un primo tempo gli investigatori avevano ipotizzato un movente mafioso ma, invece, la vicenda potrebbe essere legata a dissapori di vicinato.

 

In nottata - infatti - la squadra mobile diretta da Rodolfo Ruperti ha fermato una insospettabile coppia di coniugi, vicini di casa di Bontà: Carlo Gregoli, 52 anni, un geometra del Comune addetto ai servizi cimiteriali, e la moglie Adele Velardo, 45 anni, casalinga.

 

Secondo gli investigatori il delitto sarebbe da collegare a vecchi dissapori per motivi di vicinato e non a un movente mafioso come si era ipotizzato in un primo momento anche in relazione ai legami di parentela di Bontà, genero del boss Giovanni Bontade ucciso a Palermo con la moglie, Francesca Citarda, nel 1988. I due coniugi, che si protestano innocenti, abitano a pochi metri dal tratto di via Falsomiele dove è avvenuto il duplice omicidio. A inchiodarli sarebbe una telecamera di sorveglianza piazzata davanti al cancello di una villa che ha ripreso l'auto della coppia, un Suv Toyota, e la testimonianza di un'automobilista di passaggio.