Catanzaro: sequestrò e uccise cognato, arrestato
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 761 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Catanzaro: sequestrò e uccise cognato, arrestato

Catanzaro e Provincia
Typography

E' accusato di sequestro di persona e omicidio Davide Sestito, di 38 anni, attualmente detenuto, destinatario di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere notificatagli dai carabinieri del nucleo investigativo di Catanzaro.

 

Sestito è accusato di aver prelevato dalla propria abitazione Giuseppe Todaro e di averlo sequestrato e poi ucciso. Secondo la Dda di Catanzaro, Sestito avrebbe partecipato all'eliminazione del cognato Giuseppe Todaro scomparso a Soverato nella notte tra il 21 e il 22 dicembre 2009. Al delitto avrebbero preso parte Maurizio Tripodi, già condannato in appello a venti anni di reclusione, Michele Lentini, per il quale il pm ha di recente chiesto l'ergastolo nel processo davanti alla Corte d'Assise, e i defunti Vittorio Sia e Agostino Procopio. L'omicidio Todaro si colloca in un ampio contesto 'ndranghetistico che ha visto contrapporsi il sodalizio Sia-Tripodi-Procopio, e quello guidato da Vincenzo Gallace.

Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003