CROTONE, Sacco e don Scordio negano legami cosca
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 663 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

CROTONE, Sacco e don Scordio negano legami cosca

Crotone e Provincia
Typography

Sentiti da gip per udienza convalida. Minniti, ispezione a Cara

CROTONE, Sacco e don Scordio negano legami cosca
CROTONE, Sacco e don Scordio negano legami cosca

CROTONE, 17 MAG - Hanno negato legami con la 'ndrangheta e di essersi appropriati di fondi Leonardo Sacco e don Edoardo Scordio, rispettivamente Governatore della Misericordia di Isola Capo Rizzuto e parroco del paese, sottoposti a fermo nell'inchiesta "Jonny" della Dda di Catanzaro che ha smantellato la cosca Arena e portato alla luce l'infiltrazione della 'ndrina nella gestione del Centro di accoglienza. I due sono stati interrogati dal gip di Crotone Abigail Mellace nell'udienza di convalida. La decisione dovrebbe essere presa entro domani sera. "Abbiamo fatto tutto - ha detto Sacco - alla luce del sole. É tutto tracciato e ricostruibile". Don Scordio ha detto di essere estraneo alla gestione del Cara e per questo di non poter rispondere delle contestazioni, aggiungendo che i 132 mila euro ricevuti per l'assistenza spirituale agli immigrati sono serviti per effettuare lavori nella parrocchia. Intanto il ministro dell'Interno Marco Minniti ha disposto un'ispezione della prefettura di Crotone sulla vicenda del Cara.