Gioia Tauro: negano di avere subito usura, due arresti
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 310 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Gioia Tauro: negano di avere subito usura, due arresti

Reggio Calabria e Provincia
Typography

Hanno negato di essere stati vittime di usura agevolando, in tal modo, esponenti della cosca Piromalli indagati dalla Dda di Reggio Calabria.

 

Negano di avere subito usura,due arresti
Negano di avere subito usura,due arresti

 

Clemente Cedro, 66 anni, e il figlio Giovanni (36), già imprenditori nel settore dei videopoker, sono stati posti agli arresti domiciliari dai carabinieri, sulla base di un provvedimento del gip, per false informazioni al pm aggravate dalle finalità mafiose. I due, individuati come vittime di usura nell'ambito dell'operazione "Atlantide", cui hanno contribuito alcuni collaboratori di giustizia, sentiti dal pm hanno negato circostante e contestazioni a loro carico fornendo versioni definite di comodo che avrebbero potuto portare alla scarcerazione degli affiliati ai Piromalli arrestati il 22 dicembre scorso. Secondo quanto é emerso, padre e figlio avrebbero anche pianificato la loro remunerazione per le false dichiarazioni. Clemente Cedro avrebbe anche informato l'indagato Francesco Cosoleto, informandolo di quanto avevano detto al pm.