JOIOSA IONICA (REGGIO CALABRIA), nuove borse lavoro per i migranti: avviso alle aziende
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 189 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

JOIOSA IONICA (REGGIO CALABRIA), nuove borse lavoro per i migranti: avviso alle aziende

Reggio Calabria e Provincia
Typography

L’Associazione RecoSo, Ente gestore del progetto Sprar di Gioiosa Ionica, nell’ambito delle attività previste per i beneficiari ospiti del sistema di accoglienza, prevede l’attivazione di tirocini formativi presso enti o aziende presenti sul territorio, al fine di favorire l’acquisizione di competenze lavorative e l’inserimento nel mondo del lavoro degli ospiti.

JOIOSA IONICA (REGGIO CALABRIA), nuove borse lavoro per i migranti: avviso alle aziende
JOIOSA IONICA (REGGIO CALABRIA), nuove borse lavoro per i migranti: avviso alle aziende

 

I titolari di enti o aziende di Gioiosa Ionica che svolgono attività nei settori dell’industria, artigianato, agricoltura, servizi (anche pubblici) e terziario, disponibili ad ospitare almeno un tirocinante, possono manifestare il proprio interesse attraverso apposita comunicazione da inoltrare, utilizzando il modello da ritirare presso gli uffici Recosol di Via Diaz, al seguente indirizzo di posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure a mano sempre presso gli uffici di via Diaz. La durata prevista dei tirocini è fissata in mesi due (60 giorni per complessive n. 160 ore di attività per ciascun beneficiario) ed il trattamento economico spettante al tirocinante sarà direttamente corrisposto a cura dell’Associazione RecoSol, previa apposita documentazione rilasciata dall’azienda ospitante attestante l’attività svolta. Tutti gli oneri relativi all’attivazione del tirocinio sono ad esclusivo carico dell’Ente gestore e nessun onere economico graverà sull’azienda ospitante, alla quale si chiederà esclusivamente di individuare un tutor interno all’azienda da assegnare al tirocinante, nonché di condividere, con il personale RecoSol, un programma di massima relativo alle attività da svolgere. L’avviamento avverrà tenendo conto della rispondenza ai profili formativi e/o lavorativi di ciascun tirocinante con l’attività aziendale e ad esclusivo e insindacabile giudizio di questa Associazione.