ROSARNO (REGGIO CALABRIA), Tentata estorsione farmacista, 3 arresti
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 424 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

ROSARNO (REGGIO CALABRIA), Tentata estorsione farmacista, 3 arresti

Reggio Calabria e Provincia
Typography

Coinvolti due fratelli, uno ortopedico e l'altro medico chirurgo

ROSARNO (REGGIO CALABRIA), Tentata estorsione farmacista, 3 arresti
ROSARNO (REGGIO CALABRIA), Tentata estorsione farmacista, 3 arresti

 

ROSARNO (REGGIO CALABRIA), 10 SET - I carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro hanno arrestato tre persone, il pregiudicato Francesco Frajia, di 44 anni, ed i fratelli Renato e Maurizio Cristiano, di 54 e 60, il primo ortopedico ed il secondo medico chirurgo, con l'accusa di avere messo in atto un tentativo di estorsione di danni di un farmacista di Rosarno, Gaetano Cianci, destinatario di numerose telefonate di minaccia. Secondo quanto é emerso dalle indagini, autore materiale delle richieste estorsive sarebbe stato Frajia, originario di Locri ma residente a Crema (Cremona), mentre Renato e Maurizio Cristiano, nati a Sambiase ma domiciliati il primo a Montecatini (Pistoia) ed il secondo a Firenze, sarebbero stati i mandanti. All'origine del tentativo di estorsione non ci sarebbe stato solo uno scopo di carattere economico, ma anche una vendetta di carattere personale legata alla separazione in corso tra Renato Cristiano e la moglie, Alessandra Cianci, figlia del titolare della farmacia.