REGGIO CALABRIA, mani 'rampolli' cosche su movida, fermi
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 316 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

REGGIO CALABRIA, mani 'rampolli' cosche su movida, fermi

Reggio Calabria e Provincia
Typography

Blitz Cc e Ps, a Reggio Calabria controllo buttafuori e violenze

REGGIO CALABRIA, mani 'rampolli' cosche su movida, fermi
REGGIO CALABRIA, mani 'rampolli' cosche su movida, fermi

REGGIO CALABRIA, 27 APR - Esponenti di primo piano della cosca Condello di Reggio Calabria agendo in sintonia con alcuni "rampolli" della cosca Tegano, avevano assunto la gestione monopolistica dei servizi di "buttafuori" dei principali locali d'intrattenimento serale e notturno di Reggio Calabria. É quanto é emerso da un'inchiesta coordinata dalla Dda reggina che ha portato a 15 fermi eseguiti dai carabinieri del Comando provinciale e dalla Squadra mobile. L'indagine, denominata "Eracle" è nata dalla necessità, avvertita dalla Procura diretta da Federico Cafiero De Raho, di contrastare la serie di aggressioni, risse ed intimidazioni che hanno funestato la movida reggina negli ultimi anni, soprattutto nei locali sul lungomare. Le giovani leve della 'ndrangheta, secondo l'accusa, evocando la loro appartenenza a storici casati del quartiere di Archi, si sono proposti quale gruppo dominante della scena serale e notturna della città, intimidendo o aggredendo chiunque non riconoscesse loro questo specifico ruolo. (ANSA)