Calabria, Nesci e Parentela (M5S) a Renzi: ''Fermare l'illegittimo trasferimento del Pugliese nel Mater Domini''
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 439 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

Calabria, Nesci e Parentela (M5S) a Renzi: ''Fermare l'illegittimo trasferimento del Pugliese nel Mater Domini''

Politica
Typography

riceviamo e pubblichiamo

Calabria, Nesci e Parentela (M5S) a Renzi: ''Fermare l'illegittimo trasferimento del Pugliese nel Mater Domini''
Calabria, Nesci e Parentela (M5S) a Renzi: ''Fermare l'illegittimo trasferimento del Pugliese nel Mater Domini''

 

«Si sbagliano di grosso i commissari Massimo Scura e Andrea Urbani, il governatore Mario Oliverio e il rettore Aldo Quattrone, se nel grande silenzio del Consiglio regionale pensano di trasferire a Germaneto l'ospedale Pugliese di Catanzaro, facendolo mangiare dal policlinico universitario Mater Domini. Il Movimento 5 stelle denuncia il loro gravissimo tentativo di concludere l'integrazione tra i due ospedali scavalcando le regole e la potestà legislativa del Consiglio regionale».

Lo affermano i deputati M5s Dalila Nesci e Paolo Parentela, che nel merito hanno presentato un'interrogazione rivolta al presidente del Consiglio dei ministri e ai ministri della Salute e dell'Economia, chiedendone un immediato intervento e, tra l'altro,

«per assicurare al più presto che i rapporti tra Regione Calabria e Università di Catanzaro siano regolati da un protocollo d'intesa valido». I due parlamentari hanno trasmesso l'atto di sindacato ispettivo anche alla Procura di Catanzaro e alla Corte dei conti, perché, sostengono, «è in atto un'operazione volta a cancellare il Pugliese, come dimostra il fatto che in un documento del 13 ottobre scorso Scura e Urbani hanno previsto la realizzazione di una piastra di pronto soccorso al policlinico universitario e poi il trasferimento nella stessa struttura di tutti i reparti del Pugliese».

«Ancora una volta – concludono Nesci e Parentela – l'Università approfitta del proprio potere per prendere quanto possibile. L'ha fatto, nell'immobilismo generale della politica catanzarese, con la Fondazione Campanella e per il surplus di finanziamento che da anni il suo policlinico riceve illecitamente dalla Regione. Adesso al Mater Domini, in cui non c'è un pronto soccorso né vi sono i numeri per mantenere la Cardiochirurgia, vogliono caricare i disavanzi milionari del policlinico sulle spalle del Pugliese e risolvere così i gravi problemi di casa propria».