ROMA, comitato No, cambiare subito Italicum
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 498 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

ROMA, comitato No, cambiare subito Italicum

Politica
Typography

La Costituzione non è a disposizione dei governi

ROMA, comitato No, cambiare subito Italicum
ROMA, comitato No, cambiare subito Italicum

 

ROMA, 7 DIC - "La Costituzione non è disposizione dei governi per un uso di bassa lega. È dovere del Parlamento cambiare la legge elettorale senza aspettare la decisione della Consulta: è l'ultima occasione per dimostrare di non essere un regno dei morti. Se questo parlamento non si sente in grado di fare la legge elettorale tanto meno doveva mettere mano ad una riforma costituzionale". Lo afferma Alfiero Grandi del comitato del NO. Alessandro Pace dice "basta con le riforme costituzionali a maggioranza. Il voto estero? Questa disciplina è incostituzionale perché non garantisce la segretezza del voto. Proponiamo una commissione parlamentare di inchiesta".