8 marzo: sciopero donne da lavoro e cura
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 371 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

8 marzo: sciopero donne da lavoro e cura

Arte e Cultura
Typography

Italia aderisce a mobilitazione mondo, anche cortei e assemblee

8 marzo: sciopero donne da lavoro e cura
8 marzo: sciopero donne da lavoro e cura

"Sarà un 8 marzo di lotta anche in Italia": lo promettono le donne della rete "Non una di meno", che ha deciso di aderire allo sciopero globale in occasione della Giornata internazionale della donna, lanciato in Argentina e poi ripreso da una quarantina di Paesi nel mondo. Le donne, dunque, si asterranno quel giorno dal lavoro e anche dalla cura, cioè dal lavoro in casa e per i figli, per ribadire il rifiuto della violenza di genere. L'8 marzo - hanno spiegato oggi le promotrici dello sciopero - torna a essere un momento di "mobilitazione femminista". All'appello delle donne della rete hanno risposto solo i sindacati di base e la Flc Cgil, che hanno indetto lo sciopero generale. Restano fuori i confederali. "Le donne, e non solo - hanno detto le promotrici - scenderanno in strada con cortei, assemblee nelle piazze, nelle scuole, negli ospedali, nelle università , per mostrare con forza che la violenza maschile contro le donne è un a questione strutturale della società, che attraversa ogni luogo.