Venerdì di terrore, attacchi in 4 Paesi. Isis rivendica l'attentato in Tunisia
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 511 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Venerdì di terrore, attacchi in 4 Paesi. Isis rivendica l'attentato in Tunisia

Mondo
Typography

L’Isis ha rivendicato l'attacco terroristico sulla spiaggia di due resort di lusso a Susa, in Tunisia, che ha causato almeno 39 morti tra cui molti turisti.

Rivendicazione che è arrivata nella notte via Twitter con un messaggio di cui non è possibile verificare l'autenticità ma che appare molto simile ai precedenti. Nel post si legge che "un soldato del califfato" ha attaccato le "tane della fornicazione, del vizio e dell'apostasia" e questo "malgrado le misure" di sicurezza "rafforzate attorno a queste tane".

La maggior parte delle persone uccise, aggiunge, sono per lo più cittadini "di Stati dell'alleanza crociata che combatte lo Stato del Califfato". Pubblicata anche una fotografia del presunto attentatore, il cui nome di battaglia sarebbe Abu Yahya al-Kairouani. L'Is aveva già rivendicato l'altro attentato contro una moschea a Kuwait City, che ha fatto almeno 25 vittime.

Ma la Tunisia non è stato l'unico Paese preso di mira ieri dalla jihad che si è scatenata anche in Francia, Kuwait e Somalia trasformando la giornata di ieri in un venerdì di sangue e terrore. Nel frattempo il governo tunisino ha deciso di chiudere 80 moschee che operano al di fuori controllo statale e accusate di incitamento alla violenza.

"Tutte le moschee chiuderanno entro una settimana", ha detto Essid parlando a una conferenza stampa a Tunisi, aggiungendo che alcuni di questi centri di predicazione "continuano a diffondere la loro propaganda e il loro veleno per promuovere il terrorismo".

Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003