Riaperta la stazione di Budapest, assalto dei migranti ai treni
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 911 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Riaperta la stazione di Budapest, assalto dei migranti ai treni

Mondo
Typography

La principale stazione ferroviaria di Budapest è stata riaperta alle centinaia di migranti che per due giorni sono rimasti davanti all'ingresso.

Secondo quanto riferito dai media locali, dopo che la polizia ungherese ha lasciato l'ingresso della stazione, i migranti hanno iniziato a stiparsi all'interno di un treno. Il primo convoglio con i migranti è partito. E' diretto a Sopron, al confine ungherese con l'Austria. E' previsto anche un altro treno per la stessa destinazione. ORBAN A BRUXELLES - Proprio oggi il premier dell'Ungheria, Viktor Orban, incontrerà a Bruxelles il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, per discutere dell'emergenza migranti. Il forte afflusso di migranti in Ungheria "non è un problema ungherese, ma tedesco. Nessuno vuole stare in Ungheria o in Estonia. Tutti vogliono andare in Germania", ha detto il premier ungherese al termine di un incontro con il presidente del Parlamento europeo, Martin Schulz. In ogni caso, ha sottolineato, tutti i migranti attualmente alla stazione di Budapest "saranno registrati".

"Il trattato di Schengen è minacciato. Noi ungheresi beneficiamo della libertà di circolazione e vogliamo difenderla. E per questo difendiamo le frontiere esterne", ha sottolineato. Per Orban "i cittadini ungheresi ed europei sono pieni di paura perché i premier e i leader politici europei hanno dimostrato di non essere in grado di gestire la situazione". Il premier ungherese ha sottolineato che "controllare le frontiere esterne è compito degli Stati membri. Nell'ultimo vertice europeo avevamo deciso che i Paesi di Schengen dovessero rafforzare i controlli alle frontiere esterne e sono venuto a Bruxelles a dire che l'Ungheria ha fatto tutto il possibile per applicare le regole, installando delle barriere fisiche e aumentando i controlli". Per questo, ha concluso, "non bisogna criticare l'Ungheria per quello che il Paese è obbligato a fare per rispettare le regole europee".

Per il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz per alleviare i problemi causati dal forte afflusso di migranti in Europa "serve un sistema di redistribuzione basato su parametri giusti. Se si concentrano tutti i migranti in pochi Paesi, quello diventa un problema". Schulz ha riconosciuto che "il trattato di Schengen è minacciato", ma ha definito "sbagliato" l'approccio di Orban alla gestione dell'immigrazione, definita un problema tedesco. "E' sbagliato dire che tutti i migranti vogliono andare in Germania. E' vero che l'Ungheria è sotto pressione, ma servono regole comuni per affrontare questo fenomeno". Schulz ha invitato a "trovare una base comune per gestire l'immigrazione legale verso l'Europa e regole comuni per la protezione temporale dei richiedenti asilo. Anche per l'Ungheria sarebbe meglio far parte di una soluzione comune".

Il presidente del Consiglio Ue, Donald Tusk, durante un incontro a Bruxelles Orban ha detto: "E' lecito ritenere che vedremo più di mezzo milione di arrivi irregolari alle frontiere europee quest'anno, si tratta in parte di richiedenti asilo provenienti dalla Siria e da altrove", ha spiegato il funzionario avvertendo che l'Ue intende adempiere alle proprie responsabilità ai sensi della Convenzione delle Nazioni Unite sui rifugiati, ma "questo non può essere fatto sacrificando l'ordine pubblico".

ESODO SENZA FINE - Intanto, continuano gli sbarchi. E' arrivata a Cagliari qualche minuto dopo le 7 la nave norvegese Siem Pilot con a bordo 781 migranti salvati a largo delle coste libiche tra domenica e lunedì nelle operazioni di salvataggio coordinate dalla Guardia costiera italiana. La nave con i migranti, dei quali 595 uomini, 175 donne e 11 bambini, che ha a bordo anche quattro cadaveri, è attraccata al Molo Rinascita dov'è stato allestito il punto di prima assistenza della Protezione civile regionale.

Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003