Ucciso leader avvocati curdi Rabbia e scontri a Istanbul
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 684 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Ucciso leader avvocati curdi Rabbia e scontri a Istanbul

Mondo
Typography

Il presidente dell'Ordine degli Avvocati di Diyarbakir, Tahir Elci, è stato ucciso in un attacco armato in questa città, a maggioranza curda, nel sudest della Turchia.

Anche un poliziotto è rimasto ucciso. Il governatorato di Diyarbakir ha confermato il ferimento di altri due agenti mentre l'agenzia di stampa Anadolu ha riferito che anche un suo giornalista è rimasto ferito. Elci era noto per la sua posizione riguardo al Pkk che, diceva, "non è un gruppo terroristico" ma una "organizzazione politica armata con grande seguito". Il governo di Ankara considera invece il Pkk una "organizzazione terroristica".

Prima dell'attacco, la cui dinamica resta poco chiara, Elci, insieme ad altri avvocati, aveva tenuto una conferenza stampa sugli scontri registrati nel distretto di Sur, nella provincia di Diyarbakir. Testimoni oculari citati dall'agenzia di stampa Dogan hanno riferito che un uomo ha sparato contro Elci. La Anadolu ha attribuito l'attacco ai ribelli del Pkk. Secondo il ministero dell'Interno Elci e il poliziotto sono rimasti uccisi durante uno scontro tra le forze di sicurezza e ribelli del Pkk. Immagini trasmesse dalle tv locali mostrano Elci parlare di pace poco prima di essere ucciso. "Chiediamo che da questa area restino fuori la guerra, i combattimenti, le armi, le operazioni militari", aveva detto il presidente dell'Ordine degli avvocati di Diyarbakir.

A metà ottobre Elci era stato arrestato e rilasciato dopo 24 ore per le sue dichiarazioni sul Pkk. Per lui erano stati chiesti fino a sette anni e sei mesi di carcere con l'accusa di "propaganda a favore di un'organizzazione terroristica". Elci potrebbe essere stato vittima di un "omicidio" ha ammesso il premier turco Ahmet Davutoglu. "Ci sono due possibilità - ha detto il primo ministro citato dai media locali - E una delle due è l'omicidio".

"Se di questo si è trattato verrà accertato", ha aggiunto. L'altra "possibilità" è che Elci sia stato colpito durante uno scontro tra forze di sicurezza e uomini armati. "L'obiettivo non era solo Elci, ma la Turchia", ha aggiunto Davutoglu. In precedenza il vice premier Numan Kurtulmus aveva parlato di "brutale omicidio". L'attacco di Diyarbakir è stato condannato dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan. La Turchia andrà "avanti con la lotta al terrorismo" ha dichiarato Erdogan. Nel distretto di Sur è stato imposto il coprifuoco mentre si registrano scontri a Istanbul dove la polizia turca ha usato cannoni ad acqua per disperdere la folla di persone riunite per protestare dopo l'uccisione di Tahir Elci. Lo riferisce la Bbc.

Ad annunciare la protesta di piazza per condannare l'"omicidio pianificato" del presidente dell'Ordine degli Avvocati di Diyarbak?r era stato il partito filo-curdo Hdp. "Migliaia di altri Tahir Elcis porteranno avanti il lavoro nella battaglia per la legge e la giustizia", si legge in un comunicato del partito guidato da Selahattin Demirtas.

Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003