Blue Whale, a Milano la prima persona indagata
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 164 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Blue Whale, a Milano la prima persona indagata

Italia
Typography

per Una ventenne avrebbe chiesto su Instagram una foto con tagli a una 12enne. Inchiesta agli inizi

Blue Whale, a Milano la prima persona indagata
Blue Whale, a Milano la prima persona indagata

C'è una prima persona indagata a Milano in uno dei tanti fascicoli aperti nelle ultime settimane dopo denunce, segnalazioni e l'esplosione, anche mediatica, del fenomeno del 'Blue Whale', il cosiddetto "gioco" sul web, fatto di 50 prove tra cui atti di autolesionismo, che può spingere le vittime adolescenti fino al suicidio e che soprattutto è a rischio emulazione.

Una ventenne milanese, infatti, a seguito delle indagini della Polizia postale, coordinate dal pm Cristian Barilli, è stata iscritta per istigazione al suicidio perché via Instagram avrebbe convinto una ragazzina di 12 anni, che vive tra Roma e il nord Italia, a procurarsi alcuni tagli e ad inviarle le foto.

L'indagine è appena agli inizi tanto che, dopo il sequestro di un notebook e del telefono all'indagata ai primi di giugno e l'acquisizione del cellulare della vittima, nei prossimi giorni si terrà un accertamento tecnico irripetibile per appurare il tenore dei messaggi incriminati e se davvero siano stati spediti dalla 20enne.