Incontri a luci rosse in appartamenti, scoperto giro di prostituzione a Guidonia
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 402 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Incontri a luci rosse in appartamenti, scoperto giro di prostituzione a Guidonia

Italia
Typography

Incontri a luci rosse in appartamenti arredati 'ad hoc'. A scoprire il giro di prostituzione è stata la polizia in alcune abitazioni a Guidonia Montecelio, di Villalba di Guidonia e di Capena (Roma). Le indagini sono scattate dopo una serie di segnalazioni su uno strano via vai in un’abitazione a Guidonia e hanno portato alla denuncia di due persone.

Durante alcuni appostamenti, gli agenti hanno fermato e identificato dei clienti, che hanno confermato di aver consumato un rapporto sessuale. Proprio quando gli agenti erano intenzionati ad intervenire, improvvisamente l’attività è stata spostata in un altro appartamento, a Villalba di Guidonia. Solo dopo è emerso che il proprietario del primo immobile, scoperta l’attività che si svolgeva all’interno, aveva immediatamente rescisso il contratto d’affitto.

I servizi di appostamento si sono quindi spostati al nuovo indirizzo, dove proseguiva la prostituzione, così è scattato il blitz. Una volta all’interno dell’abitazione, si è scoperto che alcuni ambienti erano stati trasformati e arredati in modo tale che le quattro donne potessero accogliere nel modo più confortevole i clienti. L’appartamento è risultato in locazione ad una sola di loro, una italiana di 47 anni, che oltre ad esercitare in prima persona la prostituzione all’interno, favoriva anche l’attività delle altre tre “colleghe”, organizzando il loro lavoro. Anche il locatore dell’abitazione, che secondo quanto ricostruito dagli agenti si era più volte recato nell'appartamento per riscuotere il canone d’affitto, è stato denunciato.

La polizia ha scoperto che un altro appartamento, a Capena, era utilizzato dal gruppo per gli stessi fini. All’interno, anche qui, erano state realizzate stanze idonee ad accogliere i clienti. La 47enne dovrà rispondere di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione, mentre il proprietario dell’abitazione dovrà rispondere del solo favoreggiamento.