Terrorismo: tre nuovi arresti a Genova, c'è anche adesione a Isis
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 343 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

Terrorismo: tre nuovi arresti a Genova, c'è anche adesione a Isis

Italia
Typography

Tre cittadini libici sono stati arrestati dalla Digos appena sbarcati in porto a Genova dal traghetto Excellent della compagnia Grandi Navi Veloci proveniente da Tunisi.

 

I tre sono accusati del reato di riciclaggio aggravato dalle finalità di terrorismo internazionale. L'episodio è avvenuto domenica sera. I libici viaggiavano su tre auto Hyunday identiche. Nei loro telefonini sono state trovate alcune fotografie di armi e di guerriglia e documentazione al vaglio dell'autorità giudiziaria. Il caso è seguito dai pm Piercarlo Di Gennaro e Federico Manotti. I tre stranieri di 50, 43 e 39 anni erano senza bagagli nelle loro auto e ora sono in carcere a Marassi. Nelle prossime ore saranno interrogati dal giudice. Indagini sono in corso per capire se avessero in programma incontri con qualche islamico radicale ligure o del Nord Italia. Il 31 dicembre, all'aeroporto genovese erano stati arrestati due sedicenti iranini diretti a Londra con documenti falsi del Belgio accusati dalla procura dell'aggravante di terrorismo. Secondo il gip i due, un uomo e una donna, possono far parte di una cellula terroristica internazionale. Anche nei loro telefoni cellulari foto di armi e di scene di guerra.

 

Nel cellulare di un uno dei tre libici è stata trovata una foto con l'adesione all'Isis