Donna morta a Empoli, sacchetto in testa
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 441 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

Donna morta a Empoli, sacchetto in testa

Italia
Typography

Una donna è stata trovata morta, stamani, in un'abitazione a Ponzano di Empoli (Firenze).

 

Secondo prime informazioni avrebbe un sacchetto in testa, che le potrebbe causato asfissia. Indagano i carabinieri, che stanno effettuando rilievi nella casa. Al momento nessuna ipotesi su causa e motivo del decesso viene esclusa. Aperta sia la pista di suicidio e di omicidio. La donna è una polacca di 45 anni, si chiamava Beata Balon. L'allarme è stato dato dal compagno. La donna è una polacca di 45 anni, si chiamava Beata Balon. Il cadavere è stato trovato dal compagno, che ha dato l'allarme.

 

Aveva i vestiti indosso ed era nella camera da letto di un appartamento al piano terreno di una palazzina di via Pasteur. Il compagno, un italiano, viene sentito dai carabinieri. Gli investigatori escludono la rapina, mentre è da stabilire se si sia trattato di suicidio o omicidio. Secondo quanto emerge, la casa è rimasta in ordine e i vicini non avrebbero udito rumori particolari. La relazione tra la polacca e l'italiano era nota ai vicini, che parlano di un rapporto che dura da circa due anni. Sul posto proseguono i rilievi del medico legale, mentre la strada è stata transennata.