Reggio Emilia: indiano ucciso, fermato il fratello
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 324 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

Reggio Emilia: indiano ucciso, fermato il fratello

Italia
Typography

Un cittadino indiano di 42 anni è stato ucciso in casa a Bibbiano, comune della Val d'Enza in provincia di Reggio Emilia.

 

Nell'abitazione i militari, coordinati dal Pm Giulia Stignani, intervenuta sul posto, hanno trovato anche il presunto autore, il fratello della vittima che aveva cercato di togliersi la vita ingerendo acido. Il presunto assassino, che non versa in pericolo di vita, si trova piantonato in stato di fermo dai Carabinieri. Poco dopo l'una e mezza della scorsa notte è arrivata al 112 la segnalazione di quello che era accaduto. Sono intervenuti i Carabinieri della Stazione di Bibbiano con i colleghi dell'Aliquota Operativa della Compagnia di Reggio Emilia. Hanno trovato il cadavere in una camera da letto riverso sul letto. Secondo i primi accertamenti, la vittima sarebbe stata uccisa nel sonno dal fratello, che l'ha colpito alla testa con un corpo contundente. Ancora al vaglio il movente. Intervenuti anche i militari addetti ai rilievi scientifici.