Reggio Calabria: guardiania come segno potere, 4 arresti
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 684 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Reggio Calabria: guardiania come segno potere, 4 arresti

Reggio Calabria e Provincia
Typography

Imponevano la guardiania a proprietari di terreni agricoli e contadini, non tanto per un vantaggio economico, quanto per manifestare "pubblicamente" il loro potere sul territorio di Sinopoli, Procopio e Lanciano, nel reggino.

 

E' quanto emerso da un'inchiesta condotta dai carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria e coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia che stamani ha portato all'esecuzione di quattro arresti. Nei loro confronti il gip distrettuale ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere con le accuse, a vario titolo, di associazione mafiosa ed estorsione aggravata dal metodo mafioso. Nel corso dell'operazione i carabinieri hanno sequestrato terreni per un valore di 1,5 milioni di euro. L'inchiesta avrebbe fatto luce sul "sistema della guardiania", applicato diffusamente dalle cosche nei territori di "competenza", quale "tassa" nei confronti di chi abbia un potenziale reddito.