Bologna: omessa denuncia, indagato dg ospedale
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 158 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

Bologna: omessa denuncia, indagato dg ospedale

Italia
Typography

Il direttore generale del policlinico Sant'Orsola di Bologna Mario Cavalli e due medici hanno ricevuto nei giorni scorsi un avviso di fine indagine per omessa denuncia: secondo il Pm Roberto Ceroni, che ha coordinato le indagini del Nas, non avrebbero segnalato alla magistratura la vicenda di un neonato morto durante il parto a giugno 2014, per presunti errori di un medico e di un'ostetrica.

 

Lo riporta stampa locale. Cavalli risponde in quanto all'epoca era direttore sanitario, e oltre a lui sono indagati un dirigente della Medicina legale e un anatomopatologo del Sant'Orsola. Anche nei confronti di ginecologo e ostetrica è stata chiusa un'indagine per omicidio colposo: al centro delle accuse, l'utilizzo per quattro volte della ventosa per estrarre il bambino, quando le linee guida prevedono di non superare i due tentativi. Una procedura che provocò lesioni al neonato. La morte non fu segnalata alla Procura e le indagini partirono un mese dopo, solo su denuncia della famiglia del bambino.