Catania: frode 1,5 mln a Inps, 383 denunce Gdf
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 137 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Catania: frode 1,5 mln a Inps, 383 denunce Gdf

Italia
Typography

Una truffa ai danni dell'Inps di circa 1,5 milioni di euro di indennità indebitamente erogate è stata scoperta dalla Guardia di finanza di Catania, che ha scoperto un vasto giro di assunzioni fittizie di braccianti agricoli per far percepire le indennità previdenziali e assistenziali e denunciato 377 falsi braccianti per truffa aggravata ai danni dello stato e falso e 6 per associazione per delinquere finalizzata alla truffa e alla commissione di reati fiscali.

 

L'indagine, dei militari della compagnia di Caltagirone, ha accertato l'esistenza di una associazione per delinquere composta da sei persone che avrebbero costituito una serie di società al solo scopo di perpetrare la truffa ai danni dell'Inps. I promotori della truffa si sarebbero serviti di 5 aziende "fantasma" per procurare, dietro compenso, finte assunzioni per il numero di giornate lavorative utili ad attestare il possesso dei requisiti per accedere alle indennità previdenziali e per assicurarsi una posizione contributiva ai fini pensionistici.