Bari: braccianti minacciati con pistola
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 378 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

Bari: braccianti minacciati con pistola

Italia
Typography

Con l'accusa di aver picchiato e minacciato con una pistola due dipendenti della loro azienda agricola, i carabinieri hanno arrestato Giovanni e Michele Bruno, padre e figlio, rispettivamente di 66 e 31 anni di Grumo Appula (Bari).

 

Sono accusati di estorsione aggravata, porto abusivo di armi e minacce. Secondo la ricostruzione dei militari avrebbero sottoposto due cittadini stranieri, un romeno di 39 anni e un albanese di 34, a continue minacce e violenze allo scopo di non corrispondere la paga per lavori che i due svolgevano per loro. Oltre ai soprusi subiti i due stranieri, creditori di qualche migliaia di euro, sarebbero stati costretti a vivere in condizioni pietose e in stato di indigenza. Ai due i Bruno avevo sottratto anche i documenti per impedire loro di fuggire. I due operai hanno denunciato l'accaduto lo scorso 25 gennaio consentendo agli investigatori di acquisire prove, anche testimoniali, dei reati che vengono contestati ai Bruno.