Riciclaggio: indagati Sardegna a Napoli
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 204 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

Riciclaggio: indagati Sardegna a Napoli

Italia
Typography

Non andranno a processo a Cagliari il 25 novembre prossimo i due bancari di Avellino Antonio Vietri e Sabino Gioia, accusati di favoreggiamento nell'inchiesta sarda sul presunto riciclaggio di denaro dei clan camorristici dei Casalesi e D'Alessandro.

 

Lo precisa l'avvocato difensore Luigi Petrillo rendendo noto che il Gup del tribunale cagliaritano, Cristina Ornano, ha disposto per i suoi assistiti, e dietro sua richiesta, il rinvio degli atti alla Procura di Napoli nord per competenza territoriale. Compariranno invece a novembre, come stabilito ieri dal Gup, davanti ai giudici sardi l'europarlamentare Salvatore Cicu (Fi), l'ex sindaco di Sestu Luciano Taccori e l'ex capogruppo forzista nello stesso Comune, Paolo Cau. Con loro a processo altre 12 imputati. L'inchiesta è ruotata attorno alla vendita di un terreno a Villasimius da parte della Turicost - nella quale Cicu e Taccori sarebbero stati soci occulti - ad una cordata di imprenditori campani che poi hanno realizzato il villaggio turistico S'Incantu.