Bologna: corruzione, indagato giudice tributario
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 681 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

Bologna: corruzione, indagato giudice tributario

Italia
Typography

La Guardia di Finanza di Bologna ha perquisito ieri l'ufficio di un giudice tributario e gli studi di alcuni professionisti, nell'ambito di un'indagine con cinque indagati, anche per il reato di corruzione.

 

Ne dà notizia il Resto del Carlino, e la notizia ha conferme in ambienti investigativi. Secondo l'ipotesi di accusa, che si sta cercando di riscontrare attraverso l'analisi dei documenti sequestrati da parte del nucleo di polizia tributaria e sentendo alcune persone, il giudice potrebbe aver aggiustato i processi dietro il pagamento di somme di denaro, veicolate attraverso professionisti compiacenti. Il meccanismo è ancora tutto da ricostruire. L'inchiesta, partita alcuni mesi fa con l'invio di atti dalla Procura di Milano, è coordinata dal Pm Morena Plazzi. Tra le altre cose si stanno approfondendo le ragioni del trasferimento del giudice dalla Lombardia a Bologna. L'indagato non sarebbe un magistrato, ma un professionista: non tutti i giudici delle commissioni tributarie sono infatti 'togati'.