CAGLIARI, sfigurata da marito: avv., e' lui vittima
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 244 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

CAGLIARI, sfigurata da marito: avv., è lui vittima

Italia
Typography

Giovane sardo morì in rogo casa, chiesta riapertura del caso

CAGLIARI, sfigurata da marito: avv., e' lui vittima
CAGLIARI, sfigurata da marito: avv., e' lui vittima

 

 

CAGLIARI, 14 DIC - "La Polizia ha organizzato un' iniziativa contro la violenza sulle donne chiamando Valentina Pitzalis a lanciare un suo messaggio, accreditando quindi le accuse nei confronti del marito deceduto. Tutto ciò in contrasto con l'art. 27 della Carta costituzionale che stabilisce come l'imputato non sia considerato colpevole sino alla condanna definitiva". Così l'avv. Gianfranco Sollai, difensore dei genitori di Manuel Piredda, il muratore di Gonnesa, nel Sulcis, morto a 28 anni il 17 aprile 2011 a seguito di un incendio nella sua casa di Cortoghiana. Quel giorno rimase gravemente ferita e sfigurata anche l'ex moglie, Valentina Pitzalis, la quale, sopravvissuta per miracolo, ha raccontato sin da subito che il marito, da cui si era separata, le aveva dato fuoco cospergendola di benzina. La Procura di Cagliari aveva aperto un fascicolo per tentato omicidio e incendio doloso, ma poi il Pm e il Gip avevano dovuto archiviare per morte del reo, ritenendo comunque attendibile la testimonianza di Valentina.