IMPERIA, Malato, chiede nozze per ultimo Natale
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 436 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

IMPERIA, Malato, chiede nozze per ultimo Natale

Italia
Typography

A 45 anni si sposa e spira lo stesso giorno

IMPERIA, Malato, chiede nozze per ultimo Natale
IMPERIA, Malato, chiede nozze per ultimo Natale

 

 

IMPERIA, 22 DIC - Come ultimo regalo di Natale della propria vita ha chiesto di sposarsi. Giuseppe Callari, 45 anni, ex impiegato dell'Inps, di Imperia, malato terminale, si è stretto in matrimonio alle 13.30 di ieri con Consuelo Cartisano, di 35 anni, e in serata è spirato. La cerimonia si è tenuta al capezzale di Giuseppe nella sua abitazione. Un'ora dopo l'uomo è entrato in coma. "I medici ci avevano detto, proprio in questi giorni, che non sarebbe arrivato a Natale - racconta Fabrizio, fratello di Giuseppe -. Noi abbiamo preferito non riferirgli nulla, ma lui che è intelligente, ha capito ed ha quindi espresso il desiderio di sposarsi". In serata, don Luca si è recato in casa della famiglia Callari, per dare l'estrema unzione. Giuseppe era anche presidente dell'Unione Italiana dei Ciechi ed Ipovedenti di Imperia: "Comunichiamo la prematura scomparsa del nostro presidente - è scritto in una nota dell'associazione - Giuseppe Callari, a soli 45 anni, lascia la moglie appena sposata".