GELA (CALTANISSETTA), uccide due figlie e tenta suicidio
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 401 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

GELA (CALTANISSETTA), uccide due figlie e tenta suicidio

Italia
Typography

A Gela, cadaveri scoperti da padre, bambine di 7 e 9 anni

GELA (CALTANISSETTA), uccide due figlie e tenta suicidio
GELA (CALTANISSETTA), uccide due figlie e tenta suicidio

 

 

GELA (CALTANISSETTA), 27 DIC - Una donna di Gela, Giuseppa Savatta, 41 anni, ha ucciso ile sue due figlie, Maria Sofia di 9 anni e Gaia di 7 e poi ha tentato di suicidarsi scavalcando il balcone della sua casa, al secondo piano di un edificio di via Passaniti, nel centro storico della città. La donna avrebbe ucciso le figlie facendogli ingerire candeggina. Subito dopo avrebbe ingerito anche lei il liquido cominciando a gridare e tentando di scavalcare il balcone di casa. I corpi delle bambine sono stati trovati dal marito della donna, Vincenzo Trainito, 48 anni, ingegnere che insegna in un istituto scolastico privato, rientrato in casa ha pure bloccato la moglie mentre tentava di lanciarsi dal balcone. L'uomo ha poi chiamato polizia e carabinieri. Alcuni vicini dicono che la donna soffrisse di depressione ma l'indiscrezione non è confermata, al momento, da alcun atto ufficiale.