BOLOGNA, azzardo: calano i giovani giocatori
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 160 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

BOLOGNA, azzardo: calano i giovani giocatori

Italia
Typography

Indagine Nomisma-Unipol, in E-R interesse più basso

BOLOGNA, azzardo: calano i giovani giocatori
BOLOGNA, azzardo: calano i giovani giocatori

BOLOGNA, 23 JAN - Sono 1.240.000 i giovani italiani fra i 14 e i 19 anni che tentano la fortuna col gioco d'azzardo. È il dato che emerge dall'osservatorio 'Young Millennials Monitor', sostenuto da Nomisma e Unipol in collaborazione con l'Università di Bologna (al convegno di presentazione c'erano il ministro per gli Affari regionali Enrico Costa, il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini e il presidente Unipol Pierluigi Stefanini). L'indagine indica un leggero calo del numero dei giocatori: nel corso del 2016 il 49% dei giovani studenti italiani ha tentato la fortuna almeno una volta. In Emilia-Romagna l'interesse è più basso con una quota di giocatori che scende al 44%. Cresce invece la percentuale dei giovani giocatori abituali, si attesta al 17%. Bonaccini ha annunciato il raddoppio del fondo regionale ai Comuni per i progetti di contrasto all'azzardo, nel 2018 sarà di 300.000 euro: "L'attenzione resta alta, soprattutto per i soggetti più vulnerabili, e quindi anche giovani e giovanissimi".