BOLOGNA, presidio anti-Trump
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 266 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

Italia
Typography

Muslim ban e muro Usa-Messico nel mirino della protesta

BOLOGNA, presidio anti-Trump
BOLOGNA, presidio anti-Trump

BOLOGNA, 4 FEB - Studenti di diverse nazionalità, rappresentanti di Tpo e Làbas ed esponenti di Coalizione Civica si sono dati appuntamento nel primo pomeriggio sotto le Due Torri di Bologna per dar vita al presidio 'World Citizens against Nationalism (No Ban No Wall)', protesta contro le politiche di Donald Trump, in particolare contro il Muslim Ban e la costruzione del muro alla frontiera fra Stati Uniti e Messico. "Siamo contro tutte le norme di restrizione alla libertà - spiega l'organizzatore Farhad Mashkour, studente iraniano - il rischio è di andare nella direzione opposta alla globalizzazione". "Il provvedimento di Trump non è in realtà peggiore da quanto attuato dall'Ue in questi anni - dice Detjon Begaj, consigliere di Coalizione Civica del quartiere Santo Stefano - e si tratta di politiche che finiscono per legarsi anche all'istituzione dei Cie, che noi contesteremo sempre".