Stragi naziste: otto ergastolani liberi
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 138 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

Stragi naziste: otto ergastolani liberi

Italia
Typography

Condannati all'ergastolo in Italia non scontano la pena

Stragi naziste: otto ergastolani liberi
Stragi naziste: otto ergastolani liberi

6 MAR - Si assottiglia sempre di più, per ragioni anagrafiche, il numero degli ex criminali di guerra nazisti condannati all'ergastolo in Italia che non scontano la pena e vivono liberi in Germania: negli anni scorsi erano alcune decine di persone, ora sono solo otto, tutte ormai ultranovantenni. L'elenco è stato fornito dal procuratore generale militare della Repubblica presso la Corte militare di Appello, Antonio Sabino, nel corso della recente inaugurazione dell'anno giudiziario militare. Gli otto ex criminali di guerra sono stati condannati per alcune delle più gravi stragi compiute in Italia - da Marzabotto a Sant'Anna di Stazzema, a Cefalonia - ma, a seconda dei casi, l'estradizione non è stata concessa, nè è stata ritenuta ammissibile l'esecuzione della pena in Germania.