MONTALTO UFFUGO (COSENZA), Agente penitenziario uccide la moglie e si suicida
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 164 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

MONTALTO UFFUGO (COSENZA), Agente penitenziario uccide la moglie e si suicida

Cosenza e Provincia
Typography

Tragedia in provincia di Cosenza. Lei lo accusava di tradirla

MONTALTO UFFUGO (COSENZA), Agente penitenziario uccide la moglie e si suicida
MONTALTO UFFUGO (COSENZA), Agente penitenziario uccide la moglie e si suicida

MONTALTO UFFUGO (COSENZA), 28-GIU. Accusava il marito di tradirla Maria Grazia Russo, 48 anni, uccisa stamattina con tre colpi di pistola a Montalto Uffugo dal coniuge, Giovanni Petrasso, 53 anni, agente di polizia penitenziaria nel carcere di Cosenza. É quanto é emerso dalle indagini dei carabinieri della Compagnia di Rende sull'omicidio-suicidio accaduto stamattina a Montalto Uffugo.

Per questo tra i due c'erano liti frequenti l'ultima delle quali é avvenuta proprio stamattina al culmine della quale Petrasso ha ucciso la moglie e si é poi sparato. Dalle indagini é stato appurato inoltre che quando la figlia diciottenne della coppia ha sentito gli spari e si é precipitata in bagno, la madre era stata appena uccisa ed il padre era in piedi accanto al box doccia con la pistola in mano.

L'uomo ha chiesto alla figlia di andare nella sua stanza, invito che la ragazza, in stato di choc, ha accolto. Poco dopo Petrasso si é puntato la pistola d'ordinanza alla tempia ed ha fatto fuoco. Quando sul posto sono arrivati i carabinieri ed il 118, Petrasso era ancora vivo, ma é morto pochi minuti dopo.