AMANTEA (COSENZA), i Carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro, hanno arrestato il latitante Giovanni Priolo
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 279 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

AMANTEA (COSENZA), i Carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro, hanno arrestato il latitante Giovanni Priolo

Cosenza e Provincia
Typography

Il latitante reggino è accusato di tenato omicidio, si nascondeva a San Ferdinado.

AMANTEA (COSENZA), i Carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro, hanno arrestato il latitante Giovanni Priolo
AMANTEA (COSENZA), i Carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro, hanno arrestato il latitante Giovanni Priolo

AMANTEA (COSENZA), 11 LUG. I Carabinieri della Stazione di San Ferdinando, dipendenti dalla Compagnia di Gioia Tauro, in esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di misura cautelare in carcere emessa in data 8 marzo 2017 dalla Corte d’Assise d’Appello di Reggio Calabria – II Sezione, hanno tratto in arresto il latitante Giovanni Priolo. Legato da vincoli di parentela alla potente cosca di ‘ndrangheta dei Piromalli, era latitante dal marzo 2017. I Carabinieri, che monitoravano da qualche giorno l’abitazione privata di una donna di San Ferdinando (RC), cui il Priolo sembrava essere legato da intimi rapporti, nella notte scorsa si sono accorti di una serie di movimenti di autovetture e soggetti ritenuti sospetti. Così hanno deciso di non abbandonare l’obiettivo ed, all’alba, hanno iniziato un lungo pedinamento attraversando la Provincia di Reggio Calabria, Vibo Valentia e Catanzaro. Dopo circa 3 ore di osservazione discreta a distanza, i militari hanno raggiunto il lungomare di Amantea e, fingendosi dei turisti, sono entrati in un bar al cui interno hanno riconosciuto da subito la donna la quale, in quell’istante, si trovava in compagnia del latitante imobilizzandolo. L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato poi associato presso la Casa Circondariale di Palmi (RC) a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.