COSENZA, cacciatori sorpresi con richiami vietati
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 868 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

COSENZA, Cacciatori sorpresi con richiami vietati

Cosenza e Provincia
Typography

Scoperti da carabinieri Forestale, uno non aveva licenza fucile

COSENZA, cacciatori sorpresi con richiami vietati
COSENZA, cacciatori sorpresi con richiami vietati

COSENZA, 31 OTT - Quattro persone sono state denunciate durante controlli sull'attività venatoria eseguiti dai carabinieri Forestale di Cosenza, con il supporto del personale di Aprigliano. Due cacciatori sono stati sorpresi in località Motta di Castrolibero mentre utilizzavano richiami elettroacustico. Le pattuglie sono intervenute ma uno dei due è fuggito abbandonando indumenti, cartucce ed il telecomando per attivare il richiamo. Lo stesso è stato poi fotografato dai carabinieri mentre tentava di nascondere il fucile e poi dopo averlo recuperato fuggire perché, è stato accertato dopo, privo della licenza di porto di fucile, aiutato dal padre. A casa loro sono stati trovati diversi richiami ed è stata accertata l'omessa denuncia, di un loro familiare, di detenzione di proiettili per pistola. Padre e figlio sono stati denunciati per porto abusivo di arma ed esercizio venatorio con l'ausilio di richiami vietati e un loro parente per omessa denuncia di detenzione di proiettili. Denunciato anche l'altro cacciatore.