AMANTEA: rifiuti tossici, ''Terra dei veleni'', vertice partecipato
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 370 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

AMANTEA: rifiuti tossici, ''Terra dei veleni'', vertice partecipato

Cosenza e Provincia
Typography

Interi pezzi di territorio usati per interrare rifiuti tossici e radioattivi

AMANTEA. il 23 aprile si è tenuto, presso il Mediterraneo Hotel, il convegno La terra dei veleni, evento che rientra nelle attività sul territorio inerenti il "Progetto sviluppo Tirreno cosentino", voluto da Robert Aloisio, referente e socio fondatore de la Calabria che vuoi.

 

Amantea
Amantea "La terra dei veleni" Roberto Longo, Francesco Garritano, Robert Aloisio, Antonella Politano

 

Ad aprire i lavori proprio quest'ultimo, il quale ha introdotto la testimonianza di Antonella Politano, la cui storia riguarda la sua famiglia sterminata dal cancro, causato da sostanze nocive che, per anni, abitando vicini ad una centralina telefonica, hanno respirato.

L'ingegnere Roberto Longo ha descritto il capitolo sull'inquinamento ambientale in Calabria riportato nella petizione presentata lo scorso 25 giugno 2015 all'Unione Europea dal movimento Unione Mediterranea.

Il quadro emerso è agghiacciante:

"interi pezzi di territorio calabrese sono stati utilizzati da imprese nazionali ed estere come discarica di rifiuti tossici e radioattivi con la complicità di 'ndrangheta è Stato".

Sono stati affrontati argomenti molto toccanti e drammatici nei confronti di una terra che da tempo è stata considerata da tutti la terra del sole, del mare e del buon cibo.

Il dottore Francesco Garritano ha parlato della pericolosità dei metalli pesanti; dei danni che possono arrecare alla salute; del ciclo idrologico che ci permette di capire quanto pericolosa possa essere una qualsiasi sostanza nociva scaricata nei mari, vaporizzata nell'aria o assorbita dal terreno e che poi ritroviamo nel cibo.

Garritano ha inoltre consigliato di adottare un'alimentazione antiossidante ricca di frutta e di verdura.

"Ha parlato di un dispositivo medico ovvero della zeolite, un minerale di origine vulcanica che non viene assorbita dall'apparato gastro-intestinale, ma che viene espulsa con le feci insieme a tutte le sostanze nocive che hai incontrato durante il suo percorso". 

GUARDA LE FOTO: AMANTEA: Convegno ''La terra dei veleni'' (FOTO)

Rita Cancelli (La Provincia di Cosenza)

 

LEGGI ANCHE:

AMANTEA: Convegno ''La terra dei veleni'' (FOTO)

La nave dei veleni. Il Parto delle Nuvole Pesanti. Videoclip

AMANTEA: Il 23 aprile il convegno ''La terra dei veleni'' RASSEGNA STAMPA

AMBIENTE. Oliva, si riparte: nuovi carotaggi

AMANTEA: Il 23 aprile il convegno ''La terra dei veleni''

AMBIENTE: Emergenza bonifiche nell’area urbana e nella provincia di Cosenza

AMBIENTE: Paola (Cs), Antonella Politano: ''La mia famiglia distrutta dai veleni di una centrale''

Spegniamo l'incendio della Terra dei fuochi in Calabria: arriva l'estintore Zeolite

ZEOLITE: l’integratore disintossicante

AMANTEA: Il 23 aprile un vertice tra esperti al Mediterraneo Palace Hotel. ''Terra dei veleni senza bonifiche''

Visita ad Amantea della Commissione Ambiente del Consiglio regionale

CROTONE: ''Le Iene'' nella ‘'Terra dei Veleni’' (servizio febbraio 2014)