Terremoto: il sindaco di Amatrice ringranzia Mario Occhiuto
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 171 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

Terremoto: il sindaco di Amatrice ringranzia Mario Occhiuto

Cosenza e Provincia
Typography

Padre Fedele: "cattedra di amore e di dolore"

 

Terremoto: il sindaco di Amatrice ringranzia Mario Occhiuto
Terremoto: il sindaco di Amatrice ringranzia Mario Occhiuto

 

“Ti ringrazio. Non ho altre parole. E questo gesto dimostra la tua sensibilità, che è quella del popolo che rappresenti.

Il nostro territorio ha subìto ingenti danni e perdite di vite, compresi bambini, ma sapremo rialzarci, non molleremo. E ti ringrazio anche per la tua disponibilità nella veste di rappresentante dell’ANCI.

Grazie ancora, ce la faremo.” Ad un foglio, scritto a mano, il Sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi affida i suoi sentimenti di profonda gratitudine nei confronti di Mario Occhiuto e della città di Cosenza. Quel foglio, quei sentimenti, li consegna all’assessore Padre Fedele Bisceglia, appena rientrato dai luoghi del terribile sisma, dove si è recato per portare non soltanto la solidarietà della città bruzia, ma anche un contributo di diecimila euro, il primo gesto concreto di un’Amministrazione comunale, “forse una piccola cosa – dice il frate assessore – ma tante piccole cose, insieme fanno le grandi”.

“Spero di poter fare ancora meglio con il concorso di tanti privati cittadini – scriveva il Sindaco Occhiuto nel suo messaggio al primo cittadino del borgo laziale – che chiedono ad Amatrice di iniziare il lento lungo cammino di rinascita, nel segno e nel ricordo di quelle vittime innocenti perite a causa del sisma. Ritengo doveroso che i Sindaci, portatori di un sentimento difficilmente rappresentabile da chi non consuma una simile esperienza – è ancora il messaggio di Occhiuto – debbano starti accanto, testimoniando i sentimenti di partecipazione della popolazione amministrata, la cui vita da ieri si è virtualmente trasferita ad Amatrice”.

E’ un Padre Fedele particolarmente scosso quello che torna dai luoghi del sisma. “Aggirandomi tra i cumuli di macerie – racconta – mi sono fermato a parlare con le persone che vedevo stazionare davanti a quegli ammassi di pietre, prima erano le abitazioni di loro familiari. E stavano lì in silenzio. Ho poggiato la mano su quelle pietre e ho recitato una preghiera di suffragio.

E’ stata un’esperienza sacerdotale, una cattedra di amore e di dolore dalla quale ho ricevuto più che dato”. L’assessore Padre Fedele Bisceglia non risparmia un ammonimento a “quegli sciacalli del dolore – dice – che dovrebbero riflettere e non criticare chi compie un gesto di umana e concreta solidarietà. Nessuno di noi può stare tranquillo”.

Ma i rimproveri cedono subito il passo agli appelli. E’ tempo di agire, ma con coerenza ed organizzazione, fa ben comprendere Padre Fedele che ha visto, in una fase che giustamente è ancora di grande confusione, l’arrivo di tanti camion pieni di viveri e di vestiario che oggi vengono bloccati, come ha riferito anche la Protezione Civile Nazionale.

L’appello di Padre Fedele:

“Invito le associazioni  a temporeggiare nell’invio di aiuti. Il peggio sarà tra quindici/venti giorni e allora dobbiamo trovarci preparati”.

Poi ricorda:

“a Cosenza abbiamo allestito due punti di raccolta, uno di fondi su corso Mazzini e uno di viveri in piazza dei Bruzi. Più urgente, invece, è la raccolta di sangue. In accordo con l’AVIS, invito tutti i cittadini che possono, a donare il loro sangue domenica prossima 28 agosto, presso un centro mobile che con l’AVIS installeremo nei pressi di piazza 11 settembre”.