Cosenza: pagamenti contanti oltre limiti, sanzione
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 735 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Cosenza: pagamenti contanti oltre limiti, sanzione

Cosenza e Provincia
Typography

Ha effettuato movimenti in denaro contante oltre i limiti di legge, per una somma superiore a 270 mila euro. Un imprenditore operante nel settore del commercio di metalli preziosi è stato individuato dalla Compagnia della Guardia di finanza di Castrovillari.

 

In particolare dall'esame della documentazione contabile esibita dall'imprenditore, i finanzieri hanno accertato che, nell'anno 2012, sono state registrate operazioni di acquisto di beni da oltre 140 privati per contanti ciascuno di importo superiore alla soglia prevista per 276.456 euro. Da qui la contestazione delle operazioni finanziarie avvenute in violazione della limitazione dell'uso del denaro contante e dei titoli al portatore tra privati, le cosiddette operazioni "sopra soglia", per le quali è prevista una sanzione pecuniaria applicabile fino al 40% e pari in questo caso a 110 mila euro. L'imprenditore si è giustificato affermando di non essere a conoscenza del limite di legge sulla tracciabilità per pagamenti in contanti.