COSENZA, proteste per cane ucciso, 21 indagati
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 138 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

COSENZA, proteste per cane ucciso, 21 indagati

Cosenza e Provincia
Typography

Procura Repubblica Paola ha emesso avviso per persone coinvolte

COSENZA, proteste per cane ucciso, 21 indagati
COSENZA, proteste per cane ucciso, 21 indagati

COSENZA, 10 FEB - La Procura della Repubblica di Paola ha emesso l'avviso di conclusione delle indagini preliminari nei confronti delle 21 persone coinvolte nelle proteste messe in atto a Sangineto il 26 novembre scorso per l'uccisione di un cane, avvenuta alcuni mesi prima ad opera di persone non identificate. I 21 indagati sono accusati di avere occupato e ostruito, nel corso della manifestazione, la strada statale 18 all'altezza del bivio Sangineto-Bonifati "interrompendo la circolazione degli automezzi - secondo l'accusa - e creando, quindi, notevoli disagi per il servizio pubblico". La proteste furono attuate per il fatto che i promotori della manifestazione, organizzata dal Nucleo operativo tutela animali e dal Partito animalista europeo, non accettarono le prescrizioni del questore di Cosenza, Luigi Liguori, che vietò che il corteo avesse luogo nel centro del paese la cui conformazione orografica, a causa anche di un sistema viario tortuoso, non garantiva il rispetto delle esigenze di ordine pubblico.