Mauricio Macri e' il nuovo presidente dell'Argentina
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 258 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Mauricio Macri e' il nuovo presidente dell'Argentina

Amici all'Estero-2
Typography

Esulta il fronte conservatore latinoamericano. Mauricio Macri è il nuovo presidente dell'Argentina Il leader della coalizione di centro-destra 'Cambiemos', Mauricio Macri, sconfigge il candidato peronista Daniel Scioli, sostenuto dalla presidente uscente Cristina Fernandez de Kirchner.

Mauricio Macri e' il nuovo presidente dell'Argentina
Mauricio Macri e' il nuovo presidente dell'Argentina

 

Il moderato Mauricio Macri è stato eletto presidente dell'Argentina battendo al ballottaggio il candidato peronista Daniel Scioli. Con il 99% delle schede scrutinate, Macri ha ottenuto il 51,42% dei voti, con un vantaggio di tre punti sullo sfidante Scioli, governatore uscente della provincia di Buenos Aires e membro del Frente para la Victoria, che si è fermato al 48,58%. L'affluenza alle urne è stata dell'80,91%.

Macri assumerà l'incarico il prossimo 10 dicembre prendendo il posto di Cristina Fernandez de Kirchner (che ha ricoperto il ruolo dal 2007 al 2015) e ponendo fine a 12 anni di cosiddetta 'era K', avviata da Nestor Kirchner (presidente dal 2003 al 2007), marito di Fernandez deceduto nel 2010. Esultano i moderati del Sud America Il trionfo del liberale Mauricio Macri nelle presidenziali in Argentina è stato salutato con entusiasmo dai leader moderati dell'America latina. Il presidente della Colombia, Juan Manuel Santos, ha offerto "tutto" il suo appoggio a Macri.

Il collega paraguayano, Horacio Cartes, si è congratulato con gli argentini che "hanno riaffermato il loro impegno per la democrazia". Le forze moderate del continente confidano che Macri sottrarrà l'Argentina all'abbraccio con il fronte chavista e di sinistra formato da Bolivia, Brasile, Ecuador e Venezuela che aveva caratterizzato l'era Kirchner, durante la quale erano stati rafforzati i legami con Russia, Cina e Iran. (Rai)