Gli occhi del mondo su Berlino, stasera Juve e Barcellona si giocano l'Europa
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
14
Sab, Dic
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 711 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
article-top

Gli occhi del mondo su Berlino, stasera Juve e Barcellona si giocano l'Europa

Calcio
Typography

Juventus e Barcellona si giocano l'Europa in una calda notte tedesca di inizio estate. Gli ingredienti per una serata di grande calcio ci sono tutti.

Uno stadio da brividi, con una grande cornice di pubblico, due squadre di grande nobiltà calcistica, piene zeppe di campioni e oltre 400 milioni di spettatori in tutto il mondo. Tra poche ore la parola passerà al campo dove a sfidarsi sarà l'attacco atomico dei blaugrana e la compattezza dei bianconeri. I catalani sono i logici favoriti, Luis Enrique avrà a disposizione tutti i titolari e tra loro il leader del centrocampo Iniesta che ha completamente recuperato dal guaio muscolare occorsogli nella finale di Coppa del Re di sabato scorso.

I blaugrana quest’anno hanno segnato in totale 172 gol, da solo Messi ne ha firmati 58 conditi da 30 assist, e ne hanno incassati solo 37. Numeri da marziani da mettere i brividi, eppure la Juventus soprattuto in un match secco, avrà le sue carte da giocare. Allegri può contare su una difesa affidabile, seppur orfana di Chiellini e su una grande organizzazione. Il mister livornese dovrà chiudere gli spazi a centrocampo, limitando al minimo i rifornimenti al tris d'assi Messi, Neymar e Suarez, con un pressing feroce per recuperare palla e innescare le bocche da fuoco Tevez e Morata. La storia recente della competizione non è di certo favorevole ai bianconeri che hanno perso le ultime tre finali disputate (1997, 1998 e 2003) a differenza degli avversari che hanno vinto gli ultimi tre atti conclusivi della più importante competizione europea per club (2006, 2009 e 2011).

Entrambe le squadre hanno disputato sette finali: 2-5 il bilancio juventino, 4-3 quello del Barca. Storico il teatro della sfida: l’Olympiastadion nel 1936 ha reso leggendario Jesse Owens, primo uomo della storia a vincere 100, 200, 4x100 e salto in lungo ai Giochi Olimpici nel 1936. Settanta anni dopo è stato lo stadio dove si sono concretizzati i sogni azzurri con la vittoria della Coppa del Mondo. Di quella squadra condotta al trionfo da Lippi, facevano parte tre juventini che scenderanno in campo stasera: Buffon, Barzagli e Pirlo. A seguire il più grande spettacolo della stagione del calcio, oltre ai 70.000 fortunati che saranno a Berlino, ben 400 milioni di telespettatori in tutto il mondo.

Annunci AdSense
article-botton-ads-ctp-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-botton-ads-pct-cca-001
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003