Catanzaro: Dia confisca beni per 7 mln
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 959 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Dia Catanzaro confisca beni per 7 mln

Catanzaro e Provincia
Typography

La Direzione investigativa antimafia di Catanzaro ha confiscato dei beni per 7 milioni di euro a Francesco Cianflone, imprenditore edile di Lamezia Terme ritenuto contiguo alla cosca Giampà.

 

Cianflone era già stato arrestato nel 2013 per associazione per delinquere di stampo mafioso, insieme ad altri tre imprenditori, nell'ambito dell'operazione "Piana". Nel corso delle indagini gli investigatori della Dia, diretti dalla Dda di Catanzaro, ricostruirono una fitta rete di interessi economici che legava alcuni imprenditori alla criminalità organizzata locale.

Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003