Lamezia Terme (Catanzaro): denaro in cambio mezzo rubato, arrestati
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 997 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Lamezia Terme (Catanzaro): denaro in cambio mezzo rubato, arrestati

Catanzaro e Provincia
Typography

I carabinieri della caserma di Lamezia Terme Sambiase hanno arrestato, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Catanzaro, Giovanni Veneziano, di 51 anni, e Francesco Mancuso, di 32, entrambi di Catanzaro, con l'accusa di rapina ed estorsione aggravata.

 

Il primo è stato portato in carcere ed il secondo ai domiciliari. Secondo l'accusa, i due sono responsabili del cosiddetto "cavallo di ritorno". Gli arresti sono scaturiti dal ritrovamento, in un campo in località Feudo di Lamezia Terme, di un furgone Fiat Ducato di proprietà di due persone residenti in un paese del catanzarese. Poco dopo i militari hanno visto arrivare i proprietari, che non avevano denunciato il furto, che sarebbe avvenuto a Catanzaro. Dai filmati del sistema di videosorveglianza di un distributore di benzina dove i due si sono incontrati con gli arrestati i carabinieri avrebbero appurato che Veneziano e Mancuso avevano chiesto 400 euro per la restituzione del mezzo.

Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003