Melito Porto Salvo (Reggio Calabria): furto energia elettrica, arrestato
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 304 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Melito Porto Salvo (Reggio Calabria): furto energia elettrica, arrestato

Reggio Calabria e Provincia
Typography

Aveva posizionato un magnete sul misuratore di energia elettrica per alterarne il funzionamento e impedire la contabilizzazione dei consumi.

 

Un commerciante S.C.A. di 60 anni, già noto alle forze dell'ordine, è stato arrestato dai carabinieri e posto ai domiciliari per furto a Melito Porto Salvo. I militari hanno verificato un consumo stimato di 13 mila chilowattora con un danno per la società erogatrice dell'Enel pari a 30 mila euro. Sempre per il reato di furto di energia elettrica, i carabinieri hanno denunciato in stato di libertà, due ottantenni di Taurianova, dopo che in due distinti controlli gli stessi militari, assieme a personale tecnico dell'Enel, hanno riscontrato la manomissione dei contatori del consumo di energia.