Bufera Casamonica, Vespa: 'Roma non ha perso la sua dignità'
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 964 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Bufera Casamonica, Vespa: "Roma non ha perso la sua dignità"

Politica
Typography

"Quando Biagi ha intervistato Sindona e Santoro ha intervistato Ciancimino, c'erano forse la vittime? L

asciateci fare il nostro mestiere". Lo ha detto Bruno Vespa nel corso della registrazione della puntata di 'Porta a Porta', rispondendo ad Alfonso Sabella, assessore alla Legalità del Comune di Roma che, soffermandosi sulla trasmissione che ieri ha ospitato due esponenti della famiglia Casamonica, ha chiesto perchè in studio non ci fossero anche le vittime.

"Il servizio pubblico -ha aggiunto Vespa- si deve occupare di tutto e ritengo che abbiamo trattato il caso dei Casamonica come andava trattatto". Vespa ha poi sottolineato che come contraddittori c'erano "il direttore del maggior quotidiano della capitale, Virman Cusenza, e Fiorenza Sarzanini, firma del Corriere della Sera, che ha seguito la vicenda". "Roma non ha perso la sua dignità per una puntata di 'Porta a Porta' -ha aggiunto Vespa- Il problema non si risolve spegnendo le telecamere ma andando a prendere i criminali e restituendo dignità alla città". "La puntata di ieri di 'Porta a Porta' mi ha colpito sul piano personale perché vi ho trovato la folklorizzazione di un fatto gravissimo, ovvero la presenza a Roma della mafia", ha detto Sabella.

"Dietro la simpatia un po' burina di Vera Casamonica si celano violenze, prepotenze, estorsioni e usura". Ciò che andava fatto, per Sabella, era "dare voce alle vittime", cosa che per l'assessore invece è mancata. A questo punto il conduttore si è difeso dicendo di aver invitato "due incensurati". Sabella ha inoltre aggiunto che "se la trasmissione non fosse stata mandata in onda da una tv pubblica non avrei detto nulla. Invece è stata trasmessa dal servizio pubblico che non ha bisogno di cercare lo share, ma di fare informazione". L'assessore capitolino ha concluso dicendo: "Basta con le polemiche, ora è il momento di lavorare tutti insieme nella stessa direzione per togliere la mafia da questo territorio".

Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003

FB Telecomunicazioni - il Centro Tirreno

Feed non trovato
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003

La finestra sullo Spirito - il Centro Tirreno

Feed non trovato
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003