Grazie a ritrovamento in Calabria sara' ricostruito cervello del Paleolitico
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 817 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
article-top

Grazie a ritrovamento in Calabria sara' ricostruito cervello del Paleolitico

Arte e Cultura
Typography

"Per la prima volta possiamo toccare con mano un cervello paleolitico”

Grazie a ritrovamento in Calabria sara' ricostruito cervello del Paleolitico
Grazie a ritrovamento in Calabria sara' ricostruito cervello del Paleolitico

 

Lo ha annunciato il professore Fabio Martini, archeologo dell’Università di Firenze, che ha presentato, nel luogo in cui è avvenuto, il ritrovamento del cranio di un bambino risalente al Paleolitico, nel geosito della Grotta del Romito, in Calabria nel comune di Papasidero, all'interno del Geoparco Unesco del Pollino. Martini sta conducendo da anni una campagna di scavi durante la quale sono emersi resti umani risalenti al Paleolitico: "Stiamo conducendo studi con l’utilizzo di tecnologie avanzate come ricostruzioni 3D, la scannerizzazione 3D per la ricostruzione delle morfologie del cervello -ha spiegato lo studioso- Uno dei risultati più eclatanti che avremo alla fine di quest’anno riguarderà la struttura morfologica del cervello di un ragazzino morto a 10 – 12 anni".

"La pressione del cervello in crescita su un osso ancora tenero come quello del cranio ha permesso di rilevare oggi delle tracce ed attraverso una sorta di calco endocranico tridimensionale abbiamo ricostruito la forma nei minimi dettagli di questo cervello e rilevato le varie aree come quelle del linguaggio", ha detto ancora Martini. "Dunque per la prima volta possiamo toccare con mano un cervello paleolitico. Per la prima volta sono state utilizzate delle tecnologie informatiche molto avanzate, dei software specifici che sono stati elaborati all’Università della California e per la prima volta c’è un prodotto attendibile sicuro che ci indica come era fatto un cervello di 17.000 anni fa".

Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003